Ricordi

28 Luglio 2003
1
1 minuto di lettura

Ricordi: fluttuano nella testa e mi fanno sentire vuoto, inutile, perso in questa malinconia astrale. Niente più vomito, basta… ho deciso di stare bene, ho questo potere: decido del mio benessere e assecondo i bisogni del bambino triste che chiede attenzioni ricordandogli che vale per cio che è, che ha sempre qualcuno su cui poter contare.
Ho paura della notte, ancora… il sonno, è difficile dormire!
La paura della solitudine affettiva mi attanaglia l’anima, ma non ne ho motivo, ho deciso di stare bene. Non sono mai stato amato da quella persona, un amore costruito, di comodo, per anni sopravvissuto al mio bisogno di attenzioni.
Ho deciso io, è ora di finirla, è ora di ricorrere al badile e seppellire questo amore, bastare a me stesso per un pò, aspettare di essere libero e ricominciare!
Ma i ricordi, fluttuano ancora, sento una grande tenerezza dentro, sento tanta voglia di stringerla fra le braccia anche se non posso… non c’è placebo, non c’è donna che possa salvarmi da questo bisogno.
Ed ancora decido, di stare bene, soffro e sto bene, ma non passa 1 minuto che già pensi alla sua dolcezza, ai suoi baci e alle sue carezze, rare ma preziose… no, basta, ho deciso… addio amore mio, mi si spezza il cuore!

Nicola Randone, alias Art, è Scrittore, musicista compositore, leader della band Randone con all'attivo 7 cd ed 1 dvd LIVE sotto edizione discografica Electromantic Music. Qui pone frammenti di vita, espressioni dell'anima, lamenti del cuore ed improbabili farneticazioni intellettuali.

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Mi manchi

Prossimo articolo

Estratto da miches.it

Le ultime da Diario

4 Luglio 1995 Martedì ore 9:10

Sono  strafottutamente angosciato, avrei voglia di gettarmi dal balcone per disperdere le mie membra e la mia fottuta coscienza nel freddo asfalto

5 Settembre 1995 ore 16:55

“Confusione: questo sarà il mio epitaffio”… mi pare che questa frase di Sinfield calzi a pennello con la mia situazione attuale. Non

sincera agonia

E’ notte… e la notte mi è sorella. Avrei avuto voglia di scrivere una canzone, una bella canzone che parlasse di agonia
TornaSu